L’integrazione alimentare è importante. Scopriamo perchè

La consapevolezza alimentare è cresciuta molto negli ultimi anni. Sempre più persone sono attente a temi come l’apporto calorico e la giusta ripartizione dei macronutrienti, il che è un fenomeno positivo. Esiste tuttavia ancora una grande confusione sul tema dell’integrazione; cercando “Integrazione alimentare naturale” su qualsiasi motore di ricerca si potranno facilmente riscontrare le opinioni diverse delle diverse fonti.

Perché l’integrazione è importante?

I pasti, in molti casi, non sono sufficienti per bilanciare il corretto apporto di carboidrati, proteine e grassi da assumere in una giornata. Specialmente gli sportivi o coloro che desiderano perdere peso, infatti, per raggiungere i loro obiettivi con l’alimentazione ricorrono agli integratori. Come suggerisce la parola stessa, questi servono ad integrare i macronutrienti assunti dal cibo, dunque non mirano a sostituirlo.

Attraverso l’integrazione, è possibile ad esempio giovare della sostituzione un pasto ipercalorico con uno più bilanciato. Un esempio classico è la sostituzione della colazione con un frullato Formula 1 di Herbalife, scelta assai diffusa. Questo tipo di scelta lascia spesso stupiti coloro che la praticano, ed il motivo è molto semplice: c’è troppa disinformazione. Tutti sanno che la colazione è il pasto più importante della giornata. Quello che molti sbagliano, è pensare che allora sia necessario fare grandi mangiate di carboidrati e grassi industriali per vivere sani. Niente di più sbagliato! Le proteine e il corretto apporto calorico non sono mai aspetti da sottovalutare.

L’integrazione è utile anche per quel che riguarda la distribuzione dei pasti nell’arco della giornata. Per massimizzare il proprio metabolismo, infatti, occorre distribuire l’apporto di macronutrienti su almeno cinque pasti al giorno. Trovarsi alle 11 o alle 17 a dover cucinare qualcosa, per molte persone, è scomodo; uno snack preconfezionato, dall’altra parte, servirà solo a peggiorare la salute. Ecco che una barretta proteica, come quelle di Herbalife, può apportare un giusto contributo all’alimentazione quotidiana con massima praticità.

Integratori, meglio naturali o chimici?

Questo è un altro tema molto dibattuto. Gli integratori elaborati chimicamente possono senza dubbio portare maggiori risultati nel breve termine. Quali sono però gli effetti a lungo termine sui reni e sul fegato? Vale davvero la pena danneggiare ogni giorno i propri organi e apparati per ottenere risultati leggermente migliori? Secondo noi no.

Gli integratori naturali permettono di introdurre nel corpo sole sostanze di cui questo riconosce la provenienza. La digestione avviene così molto più agevolmente, e si riducono drasticamente anche le probabilità di andare in contro ad effetti indesiderati. Tra questi, il più comune è il gonfiore del ventre: oltre ad essere antiestetico, è indicativo della formazione nella pancia di gas dovuti alla presenza nell’organismo di sostanze estranee.

Per trovare gli integratori naturali più adatti alle tue esigenze, guarda tra i nostri prodotti